Strano: "La Sicilia punterà anche al turismo gay"

L'assessore regionale al ramo ha affermato che "si tratta di una delle componenti per il rilancio del settore nell'Isola" ma si guarderà bene dallo "strumentalizzarlo solo perchè è ricco"

Sicilia, Economia

CATANIA. “La nostra è una terra intelligente e molto accogliente. Io personalmente a Catania, nel 1993, mi battei per far aprire un locale gay, il Pegaso, e ho dato anche dei sostegni economici all'amministrazione del Festival del Mediterraneo, organizzato dai ragazzi del locale, invitando tunisini, israeliani e delegazioni di altri Paesi".
Lo ha affermato Nino Strano, assessore al Turismo della Regione Sicilia  in un'intervista a KlausCondicio su You Tube.   
"Da tempo il turismo omosessuale - conclude l'esponente di Fli - è una delle componenti per il rilancio del settore in Sicilia e non vi vedo nulla di offensivo e mi guarderò bene dallo strumentalizzare questo genere di turismo solo perché ricco".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati