Omicidio a Palermo, ucciso un settantenne

La vittima è Silvio Pellicanò, un geometra ex dipendente dell’Amat. Gli hanno sparato in via Cimabue, all’Uditore

PALERMO. Un geometra di 70 anni, Silvio Pellicanò, è stato ucciso dentro l'androne di casa con tre colpi di pistola in via Cimabue a Palermo. L'allarme è stato dato dagli abitanti dell'edificio che hanno sentito i colpi di pistola. E' intervenuta la polizia di Stato.
Secondo prime notizie la vittima non aveva precedenti penali. Pellicanò era un dipendente dell'Amat, l'azienda trasporti urbani di Palermo, in pensione. Una delle prime ipotesi per spiegare l'omicidio è che l'uomo sia stato vittima di una rapina, abbia reagito e sia stato ucciso. Ma si tratta d' ipotesi investigative fatte a caldo, con ancora il cadavere della vittima per terra in una pozza di sangue nell'androne dello stabile.
Via Giovanni Cimabue si trova nel quartiere Uditore vicino alla circonvallazione della città, non lontano da via Bernini dove il capomafia Totò Riina abitò con la famiglia negli ultimi anni di latitanza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati