Tessera del tifoso, ultrà dell'Atalanta in rivolta: un agente ferito

Circa 500 supporter hanno fatto irruzione al Berghem fest. Lanciate molotov e incendiate quattro auto. Maroni: "Si scordino dello stadio"

ROMA. Quattro auto incendiate, un poliziotto ferito da una bomba carta e almeno cinque supporter dell'Atalanta fermati: questo il bilancio della violenta protesta da parte di circa 500 ultras contro la tessera del tifoso.
I supporter hanno fatto irruzione ieri sera al Berghem fest, ad Alzano Lombardo, e interrotto l'intervenento del ministro dell'Interno Roberto Maroni lanciando petardi, fumogeni e dando fuoco a un'auto dei carabinieri, a una della polizia locale e altre tre vetture.
"Saranno puniti duramente: si scordino di entrare allo stadio per molto tempo – ha detto Maroni –. Nei confronti dei violenti non c'é possibilità di mediazione, devono essere fermati ed è ciò che continueremo a fare".
"Chi tira molotov è un terrorista", è stato invece il commento del ministro alla Semplificazione, Roberto Calderoli. Domenica l'esordio della tessera del tifoso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati