Prezzi, dopo l'estate arriva la stangata

Secondo gli analisti ci sarà un aumento di circa 1200 euro. Le associazioni fanno i conti: più care le assicurazioni auto e le tariffe di acqua, gas e rifiuti

ROMA. Al rientro dalle vacanze le famiglie italiane verranno accolte da una serie di aumenti dei prezzi di beni e servizi che porteranno la stangata 2010 a quasi 1.200 euro: a pesare sono i rincari di quasi tutte le voci del budget familiare, dall'rc auto al riscaldamento, dalle tariffe del gas ai biglietti aerei. Il calcolo è di Adusbef e Federconsumatori, secondo cui dal 2007 al 2010 il potere d'acquisto delle famiglie si è ridotto del 9,6%. La voce in cui si registra l'aumento più consistente è quella dell'assicurazione dell'automobile (159 euro a famiglia in più rispetto allo scorso anno). Oltre i 100 euro di rincaro spettano anche al riscaldamento della casa (+140 euro), ai carburanti (+120 euro), alle tariffe del gas (+107 euro).    


La voce trasporti spicca con gli aumenti delle tariffe aeree e aeroportuali (+65 euro), di quelle autostradali (+60 euro), dei ricorsi per multe e contenziosi (+55 euro), dei treni (+65 euro), del trasporto pubblico locale (+32 euro). Non si salva neanche il capitolo casa: tariffe acqua +19 euro, tariffe rifiuti +38 euro, mutui +65 euro, derivati del petrolio (detersivi, plastiche e prodotti per la casa in genere) +82 euro. Si salva invece l'elettricità (-15 euro). Per i servizi bancari si spendono 30 euro in più e, infine, c'é anche l'aumento delle addizionali locali da 60 euro. Non si scampa, infine, dal rincaro tipico dell'autunno, quello relativo alla scuola e ai libri (+36 euro).



Una tabella con tutti i rincari la potete trovare nell'edizione cartacea del Giornale di Sicilia in edicola oggi, 25 agosto 2010

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati