Precipita sull'inferriata e resta infilzato: operaio muore a Palermo

Giuseppe Gandolfo ha perso l'equilibrio dal primo piano della sua abitazione: aveva 36 anni. Lascia la moglie e tre figli piccoli

PALERMO. Un salto nel vuoto e una morte atroce. Un operaio è scivolato dal primo piano della sua abitazione mentre cercava di controllare i contenitori dell'acqua ed è caduto su una recinzione in ferro. E' rimasto infilazato tra gli spuntoni, con l'addome e il torace squarciato dal metallo. La vittima si chiamava Giuseppe Gandolfo, aveva 36 anni, lavorava al mercato ortofrutticolo e abitava in una palazzina in via Giafar 126 dove è accaduta la tragedia. Era sposato e aveva tre figli piccoli, tra cui due gemellini di appena un anno. L'articolo completo nell'edizione cartacea del Giornale di Sicilia in edicola oggi, 20 agosto 2010

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati