Terremoto alle Eolie: epicentro nella zona sismica di secondo livello

E' un'area classificata tra quelle in cui si possono registrare sismi "abbastanza forti". In Italia sono 2.344 in totale

PALERMO. I Comuni prossimi all'epicentro della scossa che ha interessato le Eolie - Lipari, Leni e Santa Marina Salina - sono indicati come zona 2, dove cioé possono verificarsi terremoti "abbastanza forti", nella classificazione sismica dell'ordinanza del Consiglio dei ministri 3274 del 2003.   
La zona 1 è quella più pericolosa, dove possono verificarsi "forti terremoti". Comprende 725 comuni. In zona 2 ci sono invece 2.344 comuni.
La zona dove è avvenuta la frana sull'isola di Lipari è in contrada Valle Muria, sulla strada tra l'abitato di Lipari e la frazione di Piano Conte. La spiaggia di sabbia vulcanica, uno dei luoghi più suggestivi dell'isola, si estende per alcune centinaia di metri, non appena si oltrepassa la Punta delle Fontanelle e la Punta delle Grotticelle.    
Secondo alcune testimonianze in seguito alla scossa di terremoto dalla montagna sovrastante si sarebbe staccato un costone roccioso; i massi sono finiti sulla spiaggia che in quel momento era affollata di bagnanti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati