Codacons: taglia sui piromani in Sicilia

Duemila euro per chi riesce a fotografare chi appicca il fuoco. L'associazione propone anche le "fotoronde", cittadini-sentinelle dotati di macchine fotografiche

CATANIA. Una taglia di 2.000 euro per chi riesce a fotografare un piromane in azione. Questa l'iniziativa lanciata contro gli incendi dolosi in Sicilia dal Codacons, che propone anche la creazione di "fotoronde", cioé cittadini dotati di macchine fotografiche che agiscano come "sentinelle per la salvaguardia del patrimonio naturale siciliano". Per l'associazione "sono troppi, infatti, gli ettari di bosco andati in fumo a causa di incendi dolosi che ogni anno, con straordinaria puntualità distruggono un  patrimonio boschivo che si assottiglia sempre di più" ed è necessaria "una collaborazione affinché i colpevoli possano interrompere queste azioni di disastro ambientale e rendere più facile il lavoro degli uomini della Forestale impegnati come sempre in prima linea rischiando la vita come accaduto a Menfi".    
L'associazione inoltre si costituirà parte civile nei processi che si celebreranno contro i piromani, volendo in tal modo "sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni, affinché ognuno faccia la propria parte nella lotta a questa subdola e pericolosa forma di criminalità".    
"Sembra superfluo ricordare che i responsabili devono essere puniti con severità - afferma il segretario nazionale dell'associazione Francesco Tanasi - e bisogna far di tutto per porre un argine al fenomeno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati