Pil, crollo in Sicilia: nel 2009 il peggiore degli ultimi 40 anni

E' calato del 3,6%. Il dato è stato diffuso dall'assessoratore regionale all'Economia

PALERMO. In Sicilia nel 2009 il pil è calato del 3,6%, il dato peggiore degli ultimi 40 anni, con un crollo del valore aggiunto nel manifatturiero del 13,7% e del 10,5% nell'edilizia. E' quanto emerge dalla relazione sulla situazione economica della Regione siciliana, elaborata dal servizio statistica e analisi dell'assessoratore regionale all'Economia e appena pubblicata nel sito della Regione. La flessione del Pil nell'isola tuttavia è minore rispetto alla media del Paese (-5%) e del Sud (-4,1%) per via di "una riduzione meno netta nei consumi delle famiglie e del miglioramento del saldo delle importazioni nette". Si tratta del quarto calo consecutivo del Pil in Sicilia, in caduta libera negli ultimi quattro anni: 2,4% nel 2005, 1,1% nel 2006, 0,4% nel 2007, -1,4% nel 2008. L'analisi rileva che la spesa delle famiglie, che rappresenta la componente maggiore dei consumi interni, ha subito una contrazione pari a -1,8%, per via della crisi economica che ha provocato una riduzione dell'occupazione (-1,1%), voce in calo per il terzo anno consecutivo (-0,6 nel 2008 e -0,9% nel 2007). Il reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 3,2%, solo in parte sostituito dal ricorso al credito al consumo. Sono sempre meno infatti le famiglie che utilizzano l'indebitamento per i consumi: 1,9% nel 2009 a fronte del 4,8% del 2008 e dell'11,3% del 2007.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati