Quattro mila deceduti in carico all'Asl, denunce a Taranto

TARANTO. Circa quattromila persone decedute da anni risultavano ancora in carico all'Asl di Taranto e concorrevano regolarmente alla quantificazione delle retribuzioni dei rispettivi medici di base convenzionati: la scoperta è stata fatta da militari del comando provinciale della guardia di finanza a conclusione di indagini che hanno comparato i dati delle anagrafi comunali con gli elenchi degli
iscritti all'Asl nel periodo compreso fra il 2004 e il 2008. Nel registro degli indagati sono stati scritti dalla Procura i direttori generali pro-tempore dell'Azienda sanitaria locale (non si è appreso quanti siano). L'ipotesi di reato è abuso d'ufficio.
I dirigenti sono indagati "per aver omesso, nell'ambito delle competenze attribuite loro dalla normativa regionale e nazionale nel comparto della spesa sanitaria, di dare corso agli adempimenti procedurali di aggiornamento dell'anagrafe assistiti e per avere arrecato un ingiusto profitto ai medici di base, derivante dagli emolumenti non spettanti".
Secondo le norme, i nominativi dei deceduti dovevano essere cancellati dall'anagrafe degli assistiti. Sono in corso indagini per individuare ulteriori responsabilità, anche a carico dei medici, e per quantificare il danno erariale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati