Federazione Alzheimer: poca assistenza dalla Regione

PALERMO. "È ora di dire basta e di chiedere con chiarezza che la Regione intervenga nell'assistenza ai malati di Alzheimer. Abbiamo già denunciato che solo un paziente su dieci è assistito dalle strutture pubbliche. Non è giusto che tutti gli altri vengano abbandonati". Lo dice Antonio Di Paola, coordinatore regionale della Federazione Alzheimer Sicilia.
"Il recente decreto dell'assessorato regionale - spiega - sul potenziamento della rete regionale di residenzialità per i soggetti fragili, nei fatti avvia l'attivazione di quasi 3000 posti letto (al momento esisto solo 242) per le rsa (residenze sanitarie assistenziali) ma è un numero ancora lontano da quello che dovrebbe essere lo standard previsto dal patto della salute".
Per Di Paola, "aver praticamente dimenticato i centri diurni, che in alcune realtà, come nella provincia di Ragusa, sono i veri punti di riferimento, è sicuramente un errore da parte della Regione. Ecco perché adesso chiediamo che ci si attivi con un confronto reale e concreto. Il numero di soggetti affetti da Alzheimer si stima essere in Sicilia di 50-60 mila ed entro il 2020 tale numero è destinato a raddoppiare".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati