Palermo, Zen: finisce in Procura il "caso" Insula 3

I magistrati ipotizzano l'esistenza di un'organizzazione malavitosa che gestirebbe le azioni degli abusivi. Al vaglio anche il comportamento dello Iacp

PALERMO. Il caso Insula 3 si sposta in Procura, con una lunga lista di reati ipotizzati. Si va dall’occupazione abusiva alla violenza privata, dalla resistenza a pubblico ufficiale fino al rifiuto, all’abuso e l’omissione di atti d’ufficio.
Da un lato c’è, dunque, l’ipotesi dell’esistenza di una vera e propria organizzazione malavitosa che gestirebbe gli abusivi e le loro azioni; dall’altra, invece, l’insufficiente risposta dello Stato: al vaglio dei magistrati in particolare il comportamento dell’Istituto autonomo case popolari.
Maggiori dettagli si possono leggere nell’edizione cartacea del Giornale di Sicilia in edicola oggi, mercoledì 28-07-2010.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati