Fiat, nasce una nuova società per Pomigliano

Si tratta della Newco e sarà presieduta da Sergio Marchionne. Iscritta alla Camera di commercio di Torino, adesso si lavora all'uscita di Federmeccanica dal contratto di lavoro

TORINO. Un primo passo la Fiat lo ha fatto: la nuova società Fabbrica Italia Pomigliano, considerata necessaria per garantire l'applicazione dell'accordo per la Panda, è stata iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Torino il 19 luglio. Il prossimo potrebbe essere la disdetta del contratto nazionale di lavoro con l'uscita da Federmeccanica, comunicazione attesa per giovedì dai sindacati convocati dall'azienda. Ma su quella che sarebbe una vera rivoluzione delle relazioni industriali del Paese va avanti il lavoro delle diplomazie di Confindustria, Fiat e sindacati. E' una vigilia intensa quella del tavolo convocato a Torino dal ministro Maurizio Sacconi con azienda, organizzazioni sindacali ed enti locali per affrontare il nodo Mirafiori dopo la decisione di produrre in Serbia il nuovo monovolume. Presso la sede della Regione Piemonte ci saranno Sergio Marchionne, i leader dei sindacati confederali e metalmeccanici, il governatore Roberto Cota e il sindaco Sergio Chiamparino. All'amministratore delegato del Lingotto sarà chiesta la conferma del progetto Fabbrica Italia che prevede 20 miliardi di investimenti nel Paese nei prossimi cinque anni. Il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, chiede per Mirafiori "un'altra vettura che garantisca per quantità e qualità non solo la sopravvivenza dello stabilimento ma anche l'aumento dell'occupazione".
Maggiori dettagli si possono leggere nell’edizione cartacea del Giornale di Sicilia in edicola oggi, giovedì 28-07-2010.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati