Palermo, piantagione di marijuana vicino l'Oreto: un arresto

Oltre mille arbusti, di circa quattro metri d'altezza, all'interno di un appezzamento di terreno recintato e protetto da un impianto di videosorveglianza. In manette Girolamo Mondino, 68 anni

PALERMO. Aveva realizzato una vasta piantagione di marijuana sulle sponde dell'Oreto, il fiume che attraversa Palermo. Oltre mille arbusti, di circa quattro metri d'altezza, all'interno di un appezzamento di terreno recintato e protetto da un impianto di videosorveglianza. Sono state proprio le telecamere a insospettire i carabinieri che hanno fatto irruzione nel fondo agricolo, scoprendo la piantagione di cannabis nascosta tra le coltivazioni di agrumi e nespole. I militari hanno arrestato un anziano agricoltore proprietario del terreno, Girolamo Mondino, di 68 anni, pregiudicato, denunciando a piede libero un altro "contadino" che lo avrebbe aiutato, V. F., di 49 anni, anche lui con precedenti penali.     

La piantagione, estesa su un'area di circa un ettaro, era cresciuta in modo rigoglioso grazie anche ad un impianto di irrigazione "a goccia". Secondo gli investigatori avrebbe rifornito il mercato della Guadagna e di Falsomiele, due borgate limitrofe al fiume Oreto note alle cronache per essersi imposte come le principali piazze di spaccio in città. I carabinieri, dopo il prelievo di alcuni campioni da sottoporre ad analisi da parte del personale della Sezione investigazioni scientifiche, hanno provveduto ad estirpare gli arbusti e a distruggere la piantagione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati