La Tunisia multa il motopesca sequestrato

Un'ammenda di 90 mila dinari per pesca in zona vietata all'imbarcazione mazarese che si trova nel porto di Sfax con quattro tunisini e sei siciliani a bordo

TUNISI. Un' ammenda di 90.000 dinari (circa 46.500 euro) é stata inflitta al motopeschereccio mazarese  "Twenty tree", sequestrato lunedì scorso da motovedette  tunisine nel golfo di Gabès e dirottato nel porto di Sfax, dove  si trova tuttora. La sanzione é stata inflitta dal ministero  dell' Agricoltura e della Pesca, secondo il quale l'imbarcazione é stata sorpresa a pescare, su un fondale di 45 metri, in una  zona interdetta del Mammellone.
I dieci uomini dell'equipaggio  (sei italiani, quattro tunisini) stanno bene e, grazie al  costante interessamento del contrammiraglio Nicola De Felice,  addetto militare dell' ambasciata d'Italia di Tunisi che ha  seguito l'evolversi della situazione recandosi più volte a Sfax, possono liberamente sbarcare ed uscire dal porto. Ora, a quanto  si apprende, si attendono le decisioni dell' armatore circa il  pagamento dell'ammenda, che dovrebbe precedere al rilascio del  motopeschereccio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati