Sicilia, in arrivo contributi per pescatori e armatori

Gli aiuti economici ammontano complessivamente a 48 milioni legati a due finanziamenti statali e regionali. I fondi serviranno come indennizzi per le calamità naturali e per la demolizione dei vecchi pescherecci

PALERMO. Sono 48 i milioni di euro in arrivo per pescatori e armatori siciliani. Aiuti economici provenienti da due differenti finanziamenti, uno statale e uno regionale, che serviranno a supportare le demolizioni dei vecchi pescherecci e a recuperare le perdite subite dal settore nel 2009 per le calamità naturali.
Nel corso di un incontro a Mazara del Vallo il direttore generale del ministero delle Risorse agricole, Saverio Abate, ha consegnato i decreti di demolizione dei vecchi pescherecci alla capitaneria di porto, che li sta per notificare ai primi ventotto della graduatoria relativa al Canale di Sicilia. A presentare la richiesta sono stati novanta proprietari. Per quest’intervento sono stati stanziati circa quindici milioni di euro. La spesa dovrà essere certificata dal ministero entro il 31 dicembre 2010. Dunque, la demolizione dovrà avvenire entro quattro mesi dalla data di notifica del decreto.
Giungono al termine anche le procedure per ottenere i finanziamenti legati all’iter per la calamità naturale riconosciuta nel periodo compreso tra gennaio e giugno 2009. Trentatre milioni di euro serviranno per ripagare le perdite subite. Il resto dell'articolo sul Giornale di Sicilia oggi in edicola (25 luglio).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati