Mafia, 18 anni fa moriva Rita Atria

PALERMO. Il 26 luglio 1992 Rita Atria, testimone di giustizia di appena diciassette anni, si toglieva la vita gettandosi dalla finestra di un appartamento di viale Amelia, a Roma, a sette giorni esatti dalla morte del giudice Paolo Borsellino. Dal oggi a lunedì, a diciotto anni da quei giorni, si svolgeranno tre giornate per ricordare il sacrificio della ragazza. Ogni giornata è la tappa di un cammino che,  dipanando argomenti diversi, confluirà nel Forum Sociale "Rita Atria" previsto per lunedì a Milazzo (ME).  

Si comincia oggi a Partanna (TP), la città di Rita, dove un gruppo di giovani dell'associazione Antimafie "Rita Atria", insieme ai ragazzi del Villaggio Globale di Castelbuono e Palermo ripercorreranno i momenti più significativi della storia di Rita Atria.    Domani a Roma, in viale Amelia davanti al civico 23, alle 18, si terrà l'iniziativa "Siamo tutti testimoni di giustizia", organizzata dal presidio di Roma dell'associazione Antimafie, con la collaborazione di Acmos - Libera Piemonte e di Libera Roma. Alle 21, altra iniziativa al residence "Torre Xiare" di Lido Valderice (complesso confiscato al boss mafioso Masino Coppola).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati