Via D’Amelio, Lari: in indagini errore o depistaggio della polizia

Il procuratore di Caltanissetta: C'é stata trattativa fra Stato e mafia. Abbiamo elementi sulla presenza di soggetti estranei a Cosa Nostra, che avrebbero avuto un ruolo nella strage Borsellino

PALERMO. "Questa vicenda fa emergere che su via D'Amelio ci fu un errore clamoroso oppure un vero e proprio depistaggio da parte di organismi investigativi della polizia di Stato. Questo è il dato che è emerso non credo che questa cosa possa far tremare la politica. Anzi". Lo ha detto il procuratore di Caltanissetta Sergio Lari in un'intervista a Rainews 24.
"Le indagini (sulla strage di via D'Amelio, ndr) – ha spiegato - furono condotte dal gruppo Falcone-Borsellino diretto da Arnaldo La Barbera. Non posso aggiungere dettagli perché ci sono ancora indagini in corso - ha continuato – ma coloro che hanno ritrattato ci hanno detto che le ragioni delle false accuse vanno ricercate nel fatto di essere stati soggetti a pressioni investigative".
"C'é stata trattativa fra Stato e mafia - ha aggiunto -. Abbiamo elementi investigativi precisi circa la presenza di soggetti estranei a Cosa Nostra, che avrebbero avuto un ruolo con riferimento alla strage di via D'Amelio, ma non solo con riferimento a questa".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati