Palermo, strage di via D'Amelio: parte il corteo verso l'albero Falcone

Circa cinquecento persone al grido di "resistenza" prendono parte alla sfilata che si chiuderà in via Notarbartolo. Tutti hanno in mano l'agenda rossa

PALERMO. Al grido "resistenza" è partito il corteo, formato da circa cinquecento persone, che da via Mariano D'Amelio raggiungerà l'albero Falcone in via Notarbartolo per ricordare il giudice Paolo Borsellino ucciso assieme alla sua scorta il 19 luglio 1992. Una gigantesca bandiera italiana precede la lunga fila di persone che unirà nel ricordo delle stragi anche il magistrato Giovanni Falcone, trucidato dalla mafia due mesi prima di Borsellino. Tutti hanno in mano l'agenda rossa, appartenuta a Borsellino e misteriosamente sparita il giorno dell'eccidio, diventata il simbolo della ricerca della verità sulla strage di via D'Amelio. Proprio vicino al luogo dove il giudice venne ucciso da una auto bomba è stata posta la simbolica lapide di Vittorio Mangano, lo "stalliere di Arcore", definito dal senatore Marcello Dell'Utri "un eroe".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati