Il boss Falsone nega l'identità ma contatta un avvocato

L'ex capo di Cosa nostra di Agrigento preso a Marsiglia continua a dire di chiamarsi Sanfilippo Frittola ma ha manifestato l'intenzione di nominare un legale

AGRIGENTO. Giuseppe Falsone, l'ex capo di Cosa Nostra di Agrigento, arrestato il 25 giugno a Marsiglia, nonostante continui a negare la propria identità dicendo di chiamarsi Sanfilippo Frittola, ha manifestato l'intenzione di nominare, in Italia, come avvocato, il legale Giovanni Castronovo, suo difensore già in passato. Per gli investigatori si tratterebbe dunque di una implicita ammissione della propria identità.    
"E' vero - dice l'avvocato Castronovo - sono stato contattato dalla collega francese Caroline Bremond via e-mail su incarico del suo assistito, ma non sono stato nominato formalmente". La magistratura francese aveva già dato il via libera all'estradizione del boss che però ha fatto ricorso allungando i tempi di quaranta giorni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati