Borsellino, via D'Amelio deserta nel giorno del ricordo

Una decina di persone al presidio mattutino organizzato nel luogo dell'eccidio. Ma c'è maggiore attesa per le iniziative del pomeriggio

PALERMO. Nel giorno dell'anniversario della strage via D'Amelio è deserta, una decina di persone partecipa al presidio organizzato nel luogo dell'eccidio dall'associazione '19 luglio', iniziativa che apre le manifestazioni palermitane in memoria del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta.    
Ma anche oggi - ieri la marcia delle 'Agende rosse' aveva avuto una scarsissima adesione -, i palermitani hanno scelto di restare a casa.     
"Questo era solo un presidio - commenta Marco Bertelli, dell'associazione '19 luglio' - sono certo che il resto della giornata andrà diversamente. Alle 12 qui arriveranno gruppi di studenti che verranno intrattenuti in giochi e per le 12 sono stati organizzati degli spettacoli".    La maggiore attesa è per il pomeriggio: alle 16.55, ora della strage, l'associazione ha organizzato un minuto di silenzio, sempre in via D'Amelio. E alle 18 partirà un corteo, a cui hanno aderito 12 associazioni nazionali e cittadine, tra le quali anche Libera, che arriverà all'albero Falcone, altro luogo simbolo di Palermo. Al corteo dovrebbe prendere parte l'esponente di Italia dei Valori Antonio Di Pietro.    
Questa sera alle 20,30, infine, Giovane Italia ha organizzato una fiaccolata a cui parteciperanno il presidente della Camera Gianfranco Fini, Maurizio Gasparri e il sindaco di Roma Gianni Alemanno.    
Nessun esponente del governo sarà a Palermo il giorno del diciottesimo anniversario della strage. Il ministro della Giustizia Angelino Alfano farà celebrare, alle 18, una messa in suffragio, al ministero per ricordare Paolo Borsellino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati