Palermo, strage di via D'Amelio: ecco le celebrazioni

Un'intera giornata in ricordo del magistrato Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia il 19 luglio 1992. Previsti convegni, ma anche un corteo e una fiaccolata

PALERMO. Palermo si mobilita per ricordare il giudice Paolo Borsellino, nel giorno in cui la mafia lo uccise. In quel lontano 1992, che mai come oggi è sentito tanto vicino. La città non si ferma e in questo modo reagisce anche all’ennesimo episodio di violenza, che sabato ha portato ignoti a distruggere la statua del magistrato insieme a quella del collega e compagno di avventura Giovanni Falcone, lasciate in ricordo delle due vittime di mafia a piazza Politeama.

Ricco il calendario degli eventi e delle cerimonie che si rincorreranno lungo l’arco di tutta la giornata.

Ore 8. In via D’Amelio, dove è stata fatta scoppiare l’auto carica di tritolo mentre Borsellino raggiungeva la madre nella sua casa, si terrà un presidio delle Agende Rosse fino alle 16.40. Verrà seguito da un minuto di silenzio e dall’esibizione di Marilena Monti, che reciterà "Giudice Paolo".

Ore 17.30. Partirà il corteo che da via D'Amelio si sposterà fino all'albero Falcone, in via Notarbartolo.

Ore 20. I movimenti "Giovane Italia", "Forum XIX luglio" e "Azione universitaria", hanno organizzato la fiaccolata che partirà da piazza Vittorio Veneto per concludersi in via D'Amelio, dove verrà deposta una corona di fiori.

Ore 21. Alla Biblioteca comunale di Casa Professa si terrà il dibattito "Legami di memoria".

Contestualmente, le radio universitarie trasmetteranno a reti unificate domani, dalle 17 alle 20, lo speciale "Tutte le radio contro tutte le mafie", per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta. L'iniziativa è organizzata da RadUni, l'associazione nazionale degli operatori radiofonici universitari e supportata da Ustation, il network dei media universitari italiani. La diretta si svolgerà in concomitanza con il corteo che da via D'Amelio si snoderà lungo le vie di Palermo fino all'albero Falcone. Nel corso della diretta, ascoltabile in diretta sul sito www.UnicaRadio.it, si alterneranno le voci di studenti e di cittadini comuni come quelli che parteciperanno al corteo nel capoluogo siciliano con quelle di chi ha fatto della lotta alla criminalità organizzata la propria ragione di vita come Rita e Salvatore Borsellino, fratelli del giudice antimafia. Verranno proposte poi le testimonianze di Marco Travaglio, del professor Enzo Guidotto, esperto di Mafia in Veneto, di Antonio Ingroia, magistrato che faceva parte del pool di Falcone e Borsellino e che dal 2009 è procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo, di Roberto Scarpinato, procuratore generale alla Corte d'Appello di Caltanissetta.

Inoltre, il ministro della Giustizia Angelino Alfano, che domani non parteciperà a manifestazioni pubbliche per l'anniversario della strage di via d'Amelio, farà celebrare a Roma, da monsignor Fisichella, nella sala Livatino del ministero, una messa privata. Cerimonia che si terrà alle 18.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati