Netturbini in sciopero, emergenza rifiuti a Caltanissetta

Protestano gli operatori che chiedono all'Ato gli stipendi arretrati. Da ieri pomeriggio stop alla raccolta dell'ìimmondizia e alla pulizia delle strade

CALTANISSETTA. Da ieri è scattato lo sciopero selvaggio dei netturbini di Nissambiente, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti e della pulizia della strade. L'Ato Cl1 nel pomeriggio ha appreso da Nissambiente che gli operai si sono astenuti arbitrariamente dal lavoro fino a quando non percepiranno lo stipendio e la 14/a mensilità. Sul versante pagamenti destinati alla società Nissambiente, l'Ato ha stabilito che non saranno riversate le somme relative all'accordo raggiunto ieri con il Comune ed i sindacati se, prima, non si riprenderà l'attività lavorativa.
L'accordo prevede il versamento di 360 mila euro da parte del Comune all'Ato affinché versi un acconto di 500 euro sullo stipendio di giugno a ciascun netturbino. L'Ato aveva sollecitato al Comune l'accensione di un mutuo bancario di circa 2 milioni per pagare i canoni arretrati nei confronti dell'Ato. Il sindaco Michele Campisi, però, ha preso tempo, chiedendo di verificare la contabilità dell'Ato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati