Accordo Pd-Udc-Lombardo? Clima teso nei partiti

Lunedì nuovo vertice tra Lupo e Romano, vogliono stabilire le condizioni da dare al governatore. Incontro tra i leader nel Pdl Sicilia e anche per quello “ufficiale”

PALERMO. Dopo il gelo calato nei rapporti con Lombardo, ospite di Berlusconi a Roma, i leader del Pd e dell’Udc hanno fissato un vertice per lunedì. Sul tavolo di Giuseppe Lupo e Saverio Romano c’è il piano per il rilancio dell’economia e un elenco di riforme da sottoporre a Lombardo. Una sorta di road map che Udc e Pd vogliono fissare per tracciare il cammino di Lombardo.
Il clima dentro il Pd è pesante. La parola d’ordine è chiudere il rapporto con Lombardo: lo ripete ancora una volta Giovanni Barbagallo (mai tenero col governatore) ma da ieri lo dicono anche deputati che non hanno mai bocciato a priori il dialogo.
Nel day after dell’incontro romano con Berlusconi, Lombardo non ha sentito neppure i principali alleati del Pdl Sicilia. Gianfranco Miccichè, Dore Misuraca e il finiano Pippo Scalia hanno fissato però un incontro per lunedì. Lì i «ribelli» del Pdl definiranno la loro posizione: anche loro attendono la formalizzazione della proposta di Lombardo, e intanto hanno già bocciato l’idea di un patto che conduca a fine legislatura e a una coalizione elettorale.
Intanto i coordinatori regionali del Pdl ufficiale, Giuseppe Castiglione e Domenica Nania, convocheranno a giorni un incontro fra i deputati e i sindaci berlusconiani.
Tutti i particolari nel Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati