Maturità, record negativo per gli istituti paritari di Palermo

Nessun cento in due delle scuole private più conosciute del capoluogo isolano e aumenta anche il numero di chi non è stato ammesso agli esami

PALERMO. «È nelle scuole paritarie che si registra un minore successo scolastico. Il livello si è abbassato ed è chiaro che ci vorrebbe un maggiore controllo». E’ netto l’attacco del presidente dell' Asas (Associazione delle Scuole Autonome della Sicilia), Roberto Tripodi. Con dati alla mano, analizzando i voti degli studenti che si sono appena maturati in due dei principali istituti paritari del capoluogo isolano, non si può fare a meno di constatare che le cose non vanno per il meglio: neppure un cento tra i giovani neodiplomati. «Non posso fare altro che confermare il trend negativo di quest’anno – dichiara Giacomo Barone, direttore amministrativo dell’Istituto paritario Di Rudinì, di villa Mamiani –. Rispetto al 2009 le cose sono andate peggio». Su un totale di 102 ragazzi al quinto anno, sono stati 7 i non ammessi, contro i 2 dell’anno precedente. «È aumentato il numero di chi non è riuscito ad accedere agli esami e, mentre l’anno scorso c’è stato un cento, quest’anno il voto più alto è stato 95». Parzialmente d’accordo il vicepreside dell’istituto paritario Platone, Gaetano Scaduto. Se è vero, infatti, che neppure in questa scuola si è registrato nessun cento, di contro “lo scorso anno ci sono stati più bocciati agli esami” dice. Qui, su un totale di 25 alunni dell’indirizzo scientifico ammessi, 5 non hanno superato la prova; mentre sono stati in 3 i rimandati per il corso tecnico-indistriale, su 14 che hanno tentato l’esame di Stato. P.Pi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati