Sicilia, Cronaca

Caldo, in Italia temperature bollenti

La Penisola è stretta nella morsa dell'afa. Il picco è previsto per venerdì, quando si raggiungeranno i 40 gradi. In aumento anche i valori minimi

ROMA. Italia sempre più bollente. L' anticiclone africano non molla la Penisola e stringe la morsa dell'afa. Il picco è previsto per venerdì. Per un po' di refrigerio bisogna attendere il 20 luglio. Intanto è l'umidità a togliere il respiro: in Sardegna la temperatura percepita è arrivata a 42 gradi mentre in Valle d'Aosta a 35. E non è finita. In arrivo, infatti, nuove ondate di calore, in particolare sulle regioni centro-settentrionali prima e su quelle del centro-sud poi. E se oggi sono soltanto due le città in cui l' allerta ha raggiunto il livello massimo, domani si registreranno temperature record in quattro città e mercoledì in sette. Secondo il bollettino sulle ondate di calore del Dipartimento della Protezione Civile, che monitora la situazione in 27 città italiane, nella giornata di oggi si è registrata un'allerta di livello 3 - quello massimo, in cui si prevedono "condizioni meteorologiche a rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi" nei quali "é necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio" - a Bolzano e Genova, mentre Torino, Roma, Perugia, Firenze, Brescia e Bologna si fermano al livello 2, quello in cui comunque vi sono "temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio". Per quanto riguarda martedì l'allerta 3 si registrerà a Bolzano, Bologna, Genova e Roma mentre Trieste, Torino, Perugia, Milano, Firenze e Brescia rimarranno a livello 2. Il massimo delle ondate di calore si registrerà mercoledì: in sette città - Bolzano, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Roma e Torino - l'allerta sarà al livello massimo. In altre sei - Trieste, Rieti, Perugia, Milano, Frosinone e Campobasso - si attesterà invece al livello 2. Temporali sui settori alpini ed appenninici oggi e domani, ma da mercoledì temperature in salita su tutto il Paese e venerdì si toccheranno i 40 gradi in alcune città del Centro-Sud. In aumento anche i valori minimi, con clima afoso anche nelle ore notturne. Solo sulle Alpi si potranno verificare localmente dei temporali durante le ore pomeridiane e serali. "L'anticiclone afro-azzorriano subirà un lieve flessione tra lunedì e martedì, per poi tornare a ruggire come e più di prima - spiega Giulio Betti, meteorologo del portale 3bmeteo - stavolta le regioni più colpite dall'onda di calore saranno quelle centro meridionali e anche l'Emilia Romagna dove nel fine settimana ci attendiamo valori reali fino a 37-39 gradi". Benché, prosegue l'esperto, "non siano attesi valori record per il periodo va rimarcata l'anomala durata del periodo anticiclonico che nella giornata di domenica raggiungerà i 20 giorni".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati