Sicilia, Sport

Mondiali, sarà l'inglese Webb a dirigere Spagna-Olanda

Era il candidato naturale dopo che, agli ottavi di finale, la Fifa ha rimandato a casa Rosetti e Larrionda per gli errori commessi

OHANNESBURG. Sarà l'inglese Howard Webb a dirigere la finale di domani sera fra Spagna e Olanda. Dopo che, agli ottavi di finale, la Fifa ha rimandato a casa Rosetti e Larrionda dopo gli errori commessi, il calvo arbitro inglese era il candidato naturale per carisma, esperienza e risultati. L'altro big rimasto in corsa, il messicano Archundia, è stato dirottato sulla finale del terzo posto. La sfida che assegnerà la coppa del mondo sarà così tutta europea, arbitro compreso. E' la quarta volta (i precedenti furono il 1950, il 1954 e il 1974) che un arbitro inglese dirige la sfida decisiva. Webb, che ha fischiato la finale di Champions League di Madrid fra l'Inter e il Bayern Monaco, ha diretto tre gare in questi mondiali, fra le quali la disfatta italiana di Ellis Park contro la Slovacchia. Delle due finaliste ha diretto, nella prima partita del girone, la Spagna nella sua unica sconfitta contro la Svizzera. La designazione ha fatto un po' storcere il naso agli spagnoli, sia per questioni scaramantiche, sia per alcune decisioni che non sono troppo piaciute alle Furie rosse, come la convalida del gol dello svizzero Fernandes in sospetto fuorigioco. Poliziotto in aspettativa per fare l'arbitro a tempo pieno, Webb compirà 39 anni mercoledì prossimo. Salì alla ribalta della cronaca negli europei del 2008, quando concesse all'Austria un calcio di rigore all'ultimo minuto nella sfida contro la Polonia: fu minacciato di morte dai tifosi polacchi e l'allora primo ministro polacco Donald Tusk si sarebbe lasciato sfuggire un commento non troppo elegante come "lo vorrei uccidere", frase che ha dato il titolo al documentario sugli arbitri 'Kill the referee', prodotto dalla Uefa. Howard Webb sarà chiamato a riscattare un mondiale non troppo esaltante per la categoria a cui appartiene: i due errori simbolo sono arrivati negli ottavi di finale, ovvero il gol di Lampard non convalidato da Larrionda contro la Germania e quello in netto fuorigioco di Tevez accordato da Rosetti all'Argentina.  Ma sviste più o meno clamorose non sono mancate nemmeno nei gironi di qualificazione e qualche contestazione c'é stata anche nella semifinale persa dall'Uruguay, dove Irmatov non avrebbe espulso Van Bommel in occasione del primo gol e convalidato un gol dubbio a Sneijder. In attesa dell'arrivo della tecnologia che dal prossimo mondiale potrebbe aiutare i fischietti, toccherà domani sera a Webb riscattarne l'immagine in finale per non far ricordare il mondiale del 2010 anche come quello del disastro arbitrale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati