Sanità, risparmio di oltre 16 milioni di euro nei prossimi 3 anni

E' l'effetto della seconda gara centralizzata per l'acquisto dei farmaci per le aziende ospedaliere siciliane, aggiudicata a 152 milioni con un ribasso del 10 per cento

PALERMO. La Sicilia risparmierà altri 16 milioni e mezzo di euro, nel prossimo triennio, grazie alla seconda gara centralizzata per l'acquisto dei farmaci per le aziende ospedaliere siciliane, relativamente a specialità medicinali e mezzi di contrasto. Sono stati infatti aggiudicati, alla cifra di 152 milioni di euro, altri 288 lotti la cui base d'asta era di 168 milioni e mezzo di euro: il risparmio, dunque, é del 10% circa. Il risultato di questa seconda tranche della gara, in realtà, è ancora più soddisfacente se si considera che i prezzi a base d'asta di molte molecole erano generalmente inferiori rispetto ai tariffari previsti dall'Aifa e ben al di sotto di quanto pagato dalle Aziende sanitarie fino a poco tempo fa. L'aggiudicazione non è ancora ufficiale in quanto gli uffici stanno procedendo alle opportune verifiche sulla conformità dei prodotti tecnici offerti. "Ecco cosa vuol dire riqualificare la spesa senza incidere sull'assistenza sanitaria", ha commentato l'assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, che ha dato un forte input all'espletamento di queste gare centralizzate, specie dopo lo scandalo dei vaccini contro il papilloma virus che la Regione, ha pagato inizialmente oltre 100 euro a dose contro i 43 euro a cui sono stati acquistati, dopo lo svolgimento di una apposita gara, che ha messo in concorrenza le due aziende produttrici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati