Dalla Regione 164 milioni per lo sviluppo rurale

Fondi sbloccati dal dipartimento interventi infrastrutturali in agricoltura. L'assessore Bufardeci: "Penseremo anche alle aree escluse"

PALERMO. Via libera ad oltre 164 milioni di euro per i piani di sviluppo rurale dei territori con deficit di crescita socio - economica. Le risorse sono state sbloccate con un decreto di Rosaria Barresi, dirigente generale del Dipartimento interventi infrastrutturali in agricoltura della Regione, con cui è stata approvata la graduatoria dei «Gal», i gruppi di azione locale misti pubblico - privato che dovranno realizzare quei piani.
I Gal «promossi» dal decreto coprono quasi interamente il territorio regionale e hanno registrato l'adesione di oltre il 75 per cento dei comuni siciliani. I fondi stanziabili per i piani di sviluppo locale provengono dall'Asse 4 del Psr Sicilia 2007/2013, dedicato all'attuazione dell'approccio «leader». La dotazione finanziaria è 164,6 milioni di euro, di cui 126,6 di spesa pubblica.
I Gal promossi sono quindici: Peloritani, terra dei miti e della bellezza (7,28 milioni), I.s.c. Madonie (7,74), Terre dell'Etna e dell'Alcantara (9,4), Golfo di Castellamare (6,5), Kalat (8,6), Terre del Nisseno (7), Metropoliest (8), Etna (7,3), Rocca di Cerere (8), Natiblei (6), Terre Normanne (8,33), Leader Sicilia centro meridionale (8,6), Eloro (6,5), Elimos (6,37) e Sicani (8,7). Esclusi, invece, due progetti: il Gal Nebrodi Plus e Isole di Sicilia.
La graduatoria libera risorse per oltre 104 milioni di euro sulla complessiva disponibilità di 164 milioni. «Non perderemo neanche un centesimo - afferma l'assessore Titti Bufardeci - Avvieremo una rimodulazione per consentire ai territori esclusi di procedere alla creazione di iniziative delicate e decisive per il rilancio del tessuto socio - economico delle aree rurali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati