Studentessa ferita, condizioni stazionarie ma gravi

Laura Salafia, 34 anni, è ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Garibaldi: ha lesioni importanti alla spina dorsale

CATANIA. Rimangono stazionarie, nella loro gravità, le condizioni di salute di Laura Salafia, la studentessa di 34 anni, originaria di Solarino (Siracusa), ferita gravemente durante una sparatoria avvenuta nella tarda mattinata di due giorni fa davanti l'ex monastero dei Benedettini di Catania, che ospita che ospita le facoltà di Lettere e Lingue straniere. Un proiettile vagante l'ha colpita alla colonna procurandole delle lesioni importanti alla seconda e alla terza vertebra cervicale. La donna è ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Garibaldi con la prognosi riservata.  Sono stabili anche le condizioni dell'altro ferito, Maurizio Gravino, di 40 anni, che è ricoverato nell'ospedale Vittorio Emanuele. I medici sono ottimisti sull'esito delle cure. Era lui il vero obiettivo di Andrea Rizzotti, il custode comunale della chiesa di San Nicolò La Rena che ha sparato cinque colpi di pistola sostenendo di essere stato continuamente vessato da Gravino, tanto da temere per la sua vita, che gli mostrava le 'corna' per problemi passionali con una sua parente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati