La Keller chiude a Carini

L'azienda costruttrice di carrozze ferroviarie ha comunicato la decisione al Ministero. Nello stabilimento siciliano lavorano 300 persone. Si pensa a una reindustrializzazione

SANLURI. La Keller Elettromeccanica, azienda costruttrice di carrozze ferroviarie, punta tutto sullo stabilimento di Villacidro e chiude il sito produttivo di Carini, vicino Palermo. La decisione è stata comunicata ieri sera nel corso della presentazione del Piano industriale per il quadriennio 2010-2013, tenutasi al Ministero delle Attività produttive.    
A illustrare i programmi dell'azienda sono stati il presidente Gianfranco Borghini, l'amministratore delegato Stefano Aldrovandi e il direttore generale Marco Serpi. Il piano presentato fonda le sue basi su un portafoglio commesse di circa 70 milioni di euro, a cui si sommeranno altri 25 milioni per contratti in corso di acquisizione. Non sono stati considerati, a titolo prudenziale, i due contratti sottoscritti con le ferrovie dell'Iran (340 milioni) in quanto non ancora esecutivi.    
I costi di produzione hanno, però, indotto la società a concentrare tutte le attivtà lavorative nello stabilimento di Villacidro, con la dismissione di quello siciliano di Carini, dove sono occupate circa trecento unità lavorative. I vertici della Keller si sono detti disponibili a favorire in tutti i modi la reindustrializzazione del sito vicino Palermo da parte di terzi imprenditori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati