Gela, licenziato minaccia di darsi fuoco: ma era acqua e menta

GELA. Un operaio metalmeccanico dell'indotto della Raffineria di Gela, Salvatore Catalano, 40 anni, licenziato dalla sua impresa per fine lavori, si è incatenato ai cancelli del Petrolchimico e ha minacciato di darsi fuoco se la sua ex ditta, che nel frattempo ha acquisito un altro appalto, non lo riassumerà. Quando forze dell'ordine e vigili del fuoco gli hanno piegato che poteva essere denunciato per detenzione illegale di materiale infiammabile, il disoccupato ha svelato il trucco: "Macché benzina verde, questa è una miscela di acqua e menta. Io cerco il lavoro, non la morte".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati