Rifiuti, Cammarata non risponde a domande sul percolato

Il sindaco di Palermo, indagato nell'inchiesta sul lago nella discarica di Bellolampo, non ha rilasciato alcuna dichiarazione ai pm

PALERMO. Il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, indagato nell'inchiesta sul lago di percolato nella discarica di Bellolampo, convocato dal pm Calogero Ferrara questo pomeriggio, si è presentato in Procura ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.  Per il sindaco le accuse vanno dal disastro doloso all'inquinamento delle acque e del sottosuolo, dalla truffa alla gestione abusiva della discarica, fino all'abbandono dei rifiuti speciali. Secondo l'accusa, infatti, Cammarata avrebbe impartito gli ordini su come gestire l'ex municipalizzata e anche la discarica.  I pm titolari dell'inchiesta, Ferrara e Claudia Bevilacqua, aspettano adesso le consulenze dettagliate sulle analisi fatte da un laboratorio di Torino sull'acqua prelevata da quattro pozzi privati alle falde di Bellolampo.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati