Gianluca, l'enfant prodige siciliano della batteria

A soli sedici anni suonerà in estate a Washington di fronte la famiglia Kennedy. E' solo uno dei volti di "Sicilia in Faccia", lo speciale in edicola oggi sul Giornale di Sicilia

PALERMO. Il ritmo jazz è nel Dna di famiglia: il batterista Gianluca Pellerito, palermitano, ha rubato l'arte al papà Giovanni. Oggi, a soli sedici anni, Gianluca (nella foto proprio con il papà) vanta già importanti risultati. ha suonato nel tempio del jazz newyorchese, il Blue Note. E' apprezzato da famosi batteristi come  Peter Erskine e Alex Acuña. In estate suonerà a Washington, presso la famiglia Kennedy. Gianluca Pellerito è uno dei protagonisti dell'inserto Sicilia in faccia, che il Giornale di Sicilia pubblica questa mattina (giovedì 24 giugno). Assieme a Gianluca, protagonisti dell'inserto sono altri siciliani che si sono messi in luce, dal campione di scherma di Modica, Giorgio Avola, alla vincitrice della trasmissione Rai "Ti lascio una canzone", Grazia Buffa di Partinico, dal pesista nisseno Pietro Noto, speranza azzurra per le prossime Olimpiadi, alla ventenne attrice messinese Veronica Cuppari, premiata per la sua interpretazione di Ofelia al concorso nazionale "Pulcinellamente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati