Sale operatorie chiuse all’Ingrassia, l’Asp: carenze solo strutturali

L’azienda sanitaria replica ai Nas: il provvedimento di chiusura non riguarda assolutamente la sala parto che continua ad essere utilizzata regolarmente per l’attività della divisione

PALERMO. La direzione aziendale dell’Asp di Palermo, da cui dipende l’ospedale Ingrassia, replica al comunicato dei Nas dei carabinieri inviato questa mattina agli organi di stampa. “La direzione aziendale dell’Asp – si legge nella nota - precisa che, a seguito dell’ispezione dei Nas, la direzione medica di presidio ha deciso, in autotutela, di chiudere le sale operatorie della Divisione di Ginecologia ed Ostetrica. Nella stessa sono state riscontare ‘carenze strutturali’ e non igieniche”.
E ancora: “La Direzione aziendale ha da tempo avviato l’iter per la ristrutturazione delle sale operatorie adottando anche il relativo atto deliberativo. Il provvedimento di chiusura non riguarda assolutamente la sala parto che continua ad essere utilizzata regolarmente per l’attività della Divisione. Non c’è stato e non ci sarà alcun disagio per l’utenza, n’è alcuna limitazione dell’attività, considerato che per gli interventi chirurgici, saranno utilizzate le sale operatorie del nuovo complesso operatorio dell’Ospedale Ingrassia.Gli stessi militari dei Nas hanno accertato che ‘gli ambienti si presentano puliti’”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati