Fisco, giro di fatture false: coinvolta anche la Sicilia

Quattro regioni e 21 imprese coinvolte nell'operazione della guardia di finanza di Ascoli Piceno, che ha denunciato a vario titolo 19 persone

ASCOLI PICENO. Un giro di fatture false per 2,4 milioni di euro, in cui risultano coinvolte 21 imprese di quattro regioni - Marche, Lombardia, Lazio e Sicilia - è stato scoperto dalla Guardia di finanza di Ascoli Piceno, che ha denunciato a vario titolo 19 persone. L'indagine è nata dagli sviluppi dell'operazione Clean Up, che nel febbraio 2009 aveva portato alla scoperta di due stamperie clandestine di valori bollati e banconote contraffatti, con l'arresto di nove persone e il sequestro di 17 mila marche da bollo e banconote.  In casa di uno degli indagati, P. B., residente nelle Marche, i finanzieri avevano trovato un gran numero di fatture emesse da lui stesso, da imprese a lui riconducibili, e in parte da società terze. Tutte le fatture coprivano in realtà operazioni fittizie, ed erano state emesse da P. B. sia per conto delle sue aziende che delle imprese terze, all'insaputa dei loro effettivi rappresentanti di cui l'organizzazione sfruttava le denominazioni e le partite Iva. P. B. è stato denunciato per emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, altri 17 indagati per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o documenti per operazioni fasulle, e il diciannovesimo per occultamento di scritture contabili.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati