Favorì latitanza di Messina Denaro: sotto chiave beni per un milione e mezzo

La Guardia di finanza di Palermo ha messo sotto chiave parte del patrimonio di Giuseppe Fontana, già condannato per mafia a 28 anni di reclusione

PALERMO. Il Gico della Guardia di finanza di Palermo ha sequestrato beni per un milione e mezzo di euro a Giuseppe Fontana. L’uomo, destinatario di ordinanze di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e associazione a delinquere di tipo mafioso, condannato definitivamente a 28 anni di reclusione nel 2000 dalla Corte d’appello di Palermo, avrebbe contribuito alla latitanza di boss tra cui Francesco e Matteo Messina Denaro. Tra i beni finiti sotto chiave ci sono un appartamento a Castelvetrano, la quota di una società e un’impresa del settore ristorazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati