Mondiali, il tifo azzurro non basta