Maturità, istruzioni per l'uso

Dormire almeno 7 o 8 ore per 'fissare' la memoria, evitare maratone notturne davanti alla scrivania, mangiare sano e poco senza appesantirsi e mantenere in allenamento non solo il cervello ma anche il corpo, ricordandosi di fare dello pause tra uno studio e l'altro

ROMA. Dormire almeno 7 o 8 ore per 'fissare' la memoria, evitare maratone notturne davanti alla scrivania, mangiare sano e poco senza appesantirsi e mantenere in allenamento non solo il cervello ma anche il corpo, ricordandosi di fare dello pause tra uno studio e l'altro. E' questo il manuale del perfetto studente in salute secondo Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di Medicina generale (Simg), che alla vigilia dell'ora 'X' per circa 500 mila studenti prova a fornire alcuni utili consigli per arrivare in ottima forma al fatidico esame di maturità. Secondo Cricelli, inoltre, tra le cose assolutamente da non fare, "la prima è quella di evitare di ingerire farmaci o sostanze stupefacenti, come le anfetamine, che producono un effetto controproducente".

DIVIETO ASSOLUTO FARMACI: "La prima cosa che non si deve fare - spiega Cricelli - è prendere aiuti farmacologici, magari consigliati dagli amici, perché non esiste nella maniera più assoluta un rimedio farmacologico allo studio. Anzi, aiutarsi con delle pasticche, o con anfetamine, tra l'altro vietate, è controproducente, perché queste sostanze in realtà producono l'esaurimento di quelle funzioni che invece dovrebbero potenziare le funzioni di apprendimento, creando uno stato di torpore del cervello".   

DORMIRE ALMENO 7-8 ORE: Tra le regole "semplici quanto elementari" da seguire per arrivare in forma agli esami, una tra le più importanti è quella di evitare maratone finali notturne di studio e di "rispettare" le ore di sonno, dormendo almeno 7 o 8 ore, così da 'fissare' la memoria.

PAUSA STUDIO PER EVITARE STRESS: Anche il corpo umano, oltre il cervello, ha bisogno di una adeguata preparazione. Per questo é opportuno non studiare a lungo senza mai alzarsi, e effettuare pausa cosiddette 'anti stress'.  

MANGIARE POCO E NON APPESANTIRSI: Altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione è quello legato all'alimentazione. "Ai miei tempi -ricorda Cricelli - le mamme 'rimpinzavano' i ragazzi di cibo prima degli esami convinti che gli facesse bene, ma nella realtà è un errore: anche il nostro corpo va preparato a dovere, ed è sbagliato affrontare un esame di questo tipo, dove lo stress è inevitabile, molto appesantiti". L'deale, dunque, è quello di mangiare "poco e sano".

OK FINO A 3 CAFFE': Per chi non riuscisse proprio a fare meno di prendere qualcosa di stimolante, via libera, da buon italiani, a qualche tazzina di caffé. Ma non più di 2 o 3 al giorno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati