Sicilia, Sport

Mondiali, l'Inghilterra pareggia: rischio eliminazione

Gli uomini di Capello non vanno oltre lo 0 a 0 contro la modesta Algeria. Adesso per andare avanti devono battere per forza la Slovenia nell'ultima partita

CITTA' DEL CAPO. Altro che regalo per i 64 anni: per Fabio Capello e la sua Nazionale sono piovute le prime bordate di fischi dalle tribune del Green Point Stadium. Il resto arriverà dalla critica inglese nei prossimi giorni, che non saranno facili per questa squadra deludentissima e per il suo tecnico che era già considerato un'icona. Stavolta non si tratta di moduli o papere, ormai l'Inghilterra che si candidava al titolo rischia addirittura di non arrivare agli ottavi. E' costretta a vincere contro la Slovenia, apparsa oggi la squadra più in forma del gruppo C. Capello si era risentito con Franz Beckenbauer che aveva descritto il gioco inglese del friulano come "palla avanti e pedalare". A giudicare da stasera, il Kaiser è stato anche generoso, perché in tutto il primo tempo la palla avanti non è andata quasi mai e, quanto a pedalare, i centrocampisti inglesi si sono fatti surclassare dagli algerini.  Fuori i portieri-paperoni della prima giornata, Green e Chaouchi, dentro James - che ad agosto compie 40 anni - e Mbolhi. Si parte, per una volta, con poche vuvuzelas e niente freddo, ma evidentemente per l'Inghilterra non erano quelli i problemi. Il primo tempo è da dimenticare, l'Algeria gioca meglio, il rientro di Barry davanti alla difesa non giova né a Gerrard né a Lampard, mentre Rooney va a sprazzi. La difesa, in Carragher e Johnson, appare a volte lenta di fronte alle folate avversarie sulle fasce. L'Algeria non incanta. ma arriva prima sulla maggior parte dei palloni, Ziani inventa e Boudebouz con Matmour lo coadiuvano. Ottimo il difensore Belhadj anche nelle incursioni in attacco, Kadir sulla fascia destra è più veloce degli avversari, una volta prende due metri a Rooney lanciato, Yebda dà ordine al centrocampo. Il meglio gli algerini lo fanno vedere nella fase centrale del tempo, pur senza creare gravi pericoli a James; mentre per gli inglesi bisogna aspettare, alla mezz'ora, un tiro da lontano di Gerrard, che tenta di svegliare tutti dal letargo. Unica vera occasione, al 3', per Lampard, che spara a botta sicura su una respinta di testa della difesa ma MBolhi, portiere dello Slavia Sofia, respinge. Due minuti dopo, destro di Ziani a fil di palo.   Nella seconda frazione il ritmo aumenta un po' e i limiti degli inglesi vengono fuori ancora più evidenti: Heskey è inguardabile, dopo 10' cicca incredibilmente un cross e Capello comincia finalmente a far scaldare Defoe. Gerrard, che ha sbagliato una quantità impressionante di passaggi, lo imita un minuto più tardi regalando il pallone agli algerini con gli inglesi in vantaggio numerico. Ai Bianchi svogliati del primo tempo si aggiunge soltanto un po' di precipitazione in attacco. E i guai per Capello non finiscono mai, perché Carragher si fa ammonire e salterà la decisiva partita contro gli sloveni. Il suo compagno di reparto, John Terry, è apparso a volte insicuro e con il contropiede della Slovenia ammirato oggi c'é poco da scherzare. Heskey spazientisce tutti facendosi parare l'ennesimo tiraccio e Capello lo sostituisce con Defoe, a furor di popolo.  Ma l'Inghilterra non c'é, Rooney con il passare dei minuti dà nettamente la sensazione di non star bene fisicamente, il gioco è farraginoso. Onesta e combattiva l'Algeria, che comunque, pur non creando grossi pericoli alla porta di James, é apparsa più in palla e reattiva degli avversari. Adesso, questo Mondiale che sembra divertirsi come lo Jabulani a fare scherzi alle grandi, potrebbe riservare una sorpresa gigante proprio nel gruppo C, dove anche l'Algeria può ancora sperare di fare l'insperato colpaccio e passare incredibilmente agli ottavi.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati