Chiesti 80 anni di carcere per estorsori capeggiati dai Lo Piccolo

I pm hanno invocato 18 anni per i boss Sandro e Salvatore, 17 anni e 10 mesi per Gaetano Fidanzati, 13 anni e 4 mesi per Salvatore Lo Cicero, 12 anni per Antonino Liga e 2 anni e 8 mesi per il collaboratore di giustizia Antonino Nuccio

PALERMO. Quasi un secolo di carcere è stato chiesto dai pm Amelia Luise e Annamaria Picozzi per i boss che gestivano il racket delle estorsioni che faceva capo al mandamento di Salvatore e Sandro Lo Piccolo. Nel troncone con rito ordinario di "Addipizzo 4" che si svolge davanti alla seconda sezione del Tribunale di Palermo, presieduta da Bruno Fasciana, i pm hanno invocato 30 anni per Sandro Lo Piccolo (18 per le estorsioni e 12 per lo spaccio di stupefacenti), 18 anni per Salvatore Lo Piccolo, 12 anni per Antonino Liga, 13 anni e 4 mesi per Salvatore Lo Cicero, 17 anni e 10 mesi per Gaetano Fidanzati e 2 anni e 8 mesi per il collaboratore di giustizia Antonino Nuccio.    
Tra i soggetti che si sono costituiti parte civile, oltre alle parti offese Iregel srl e alla Alba Ricevimenti Srl, anche il comitato Addio Pizzo, Confindustria Palermo, Fai e Provincia di Palermo. Per le parti offese, Marcello Bongiovì e Giuseppe Todaro, i legali Ugo Forello e Valerio D'Antoni hanno chiesto un risarcimento pari al pizzo pagato negli anni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati