Cintola: mai preso cocaina, complotto contro di me

Il parlamentare dell’Udc: “È una falsità assoluta. Cesa dovrebbe sospendere se stesso”

PALERMO. "Non ho mai assunto cocaina o qualche altro tipo di stupefacenti, non ho mai avvicinato persone che potessero smerciare droga. È una falsità assoluta. In ogni caso, questi fatti risalgono a più di cinque anni fa e a me non è mai stato contestato nulla". Così il deputato regionale Salvatore Cintola commenta il suo coinvolgimento nell'indagine che ha portato questa mattina a 29 ordinanze di custodia cautelare per spaccio di droga.
Cintola, secondo le indagini, si sarebbe servito della segretaria Sabrina Di Blasi, arrestata questa mattina, per ottenere delle dosi di cocaina. " È un complotto contro di me - ha proseguito - Dicono che avrei comprato la droga attraverso il mio autista, ma io invece ho sempre rinunciato all'auto istituzionale e all'Ars ci andavo con la mia macchina personale perché sono una persona onesta e non voglio gravare sulle casse della Regione".
"Cesa dovrebbe espellere se stesso e non me per le cose ignobili che ha fatto. Mi hanno sospeso perché sono una persona per bene e non la penso come loro". Ha aggiunto Cintola. La decisione è stata presa dal segretario nazionale del partito, Lorenzo Cesa, che ne ha anche chiesto l'espulsione per il suo coinvolgimento nell'indagine che ha portato questa mattina a 29 ordinanze di custodia cautelare per spaccio di droga.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati