Palermo, nuove minacce a Ciancimino jr.

PALERMO. Si è presentato in procura, per l'ennesimo interrogatorio, con un proiettile di kalashnikov e la fotocopia del libro su suo padre "Don Vito" sulla quale un anonimo ha scritto una serie di minacce nei suoi confronti. Così Massimo Ciancimino, figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo, Vito, oggi convocato dai pm della Dda di Palermo per il fatidico riconoscimento del Sig. Franco, lo 007 che avrebbe preso parte alla trattativa tra Stato e mafia, ha denunciato l'ultima intimidazione ricevuta.  Al procuratore Francesco Messineo e ai pm Nino Di Matteo e Paolo Guido ha consegnato il proiettile e la fotocopia che gli sono stati recapitati, per posta, nella sua casa palermitana.  Secondo indiscrezioni, Ciancimino avrebbe portato ai magistrati nuovi documenti tra i quali anche una serie di foto in cui potrebbe essere stato immortalato il Sig. Franco. Il testimone non ha ancora riconosciuto l'agente segreto - i pm di Caltanissetta che hanno mostrato le immagini di un settimanale romano scattate durante una manifestazione alla quale l'agente avrebbe preso parte, ma il riconoscimento non ha avuto buon esito -; nei mesi scorsi, invece, il figlio dell'ex sindaco ha riconosciuto in foto una serie di persone legate ai Servizi che suo padre avrebbe incontrato insieme al Sig. Franco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati