Mafia, Confindustria Palermo espelle azienda per la seconda volta

Si tratta dell'impresa Aedilia Venusta di Vincenzo Rizzacasa, già allontanata la scorsa estate. L'uomo è stato arrestato ieri nel corso di un'operazione antimafia

PALERMO. La Confindustria di Palermo ha riunito questa mattina, con procedura di somma urgenza, il suo consiglio direttivo. Nel corso della riunione gli industriali hanno preso atto dell'operazione antimafia di ieri, nel corso della quale è stato arrestato l'imprenditore Vincenzo Rizzacasa ed è stata sequestrata l'impresa Aedilia Venusta. Sulla base delle notizie emerse a conclusione dell'indagine della magistratura, e in conformità con il codice etico della Confindustria di Palermo, il consiglio direttivo ha adottato all'unanimità l'espulsione di Aedilia Venusta. L'azienda, già espulsa la scorsa estate, aveva chiesto a un giudice la reintegrazione. "La nuova espulsione - si legge in una nota - manifesta il perfetto accordo con le linee guida dettate dalla Confindustria nazionale e dalla Confindustria Sicilia. La delibera del consiglio direttivo degli industriali palermitani avviene in piena coerenza con il principio dell'intransigenza assoluta e del contrasto continuo nei confronti della criminalità e delle sue infiltrazioni nel tessuto economico locale". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati