Truffa allo Stato e all'Ue, denunciato imprenditore a Bagheria

PALERMO. I finanzieri del Comando provinciale di Palermo hanno scoperto di una truffa ai danni dello Stato e dell'Unione europea, realizzata da una società bagherese, nel settore delle agevolazioni finanziarie a favore del rilancio della pesca. Le indagini, condotte dal Nucleo di polizia tributaria di Palermo e coordinate dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai sostituti Salvatore Vella e Gianluca De Leo, si sono concluse con la denuncia del titolare
e il sequestro disposto dal gip Pasqua Seminara di beni mobili e immobili, conti correnti bancari e quote societarie pari a oltre 150 mila euro. A fronte di un contributo complessivo approvato per 1,2 milioni di euro dall'assessorato regionale alla Pesca, l'impresa aveva ottenuto nel 2005 un anticipo di 600 mila euro per la realizzazione di un capannone e la ristrutturazione di un impianto già esistente, risultando prima in graduatoria nell'ambito del piano di finanziamenti comunitari previsti per il 2004-2006 destinato alle ditte operanti nel settore della pesca.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati