Rinviato a giudizio il sindaco di Lampedusa

Bernardino De Rubeis è accusato di concussione e abuso d'ufficio. Al centro dell'inchiesta due casi di presunte tangenti

AGRIGENTO. Il Gup di Agrigento, Luca D'Addario, ha rinviato a giudizio il sindaco di Lampedusa,  Bernardino De Rubeis, il vice presidente del Consiglio comunale dell'isola delle Egadi, Santino Brischetto, e i pubblici ufficiali Alfonso Averna e Salvatore Caffo.    
L'ipotesi di reato, formulata a vario titolo dal procuratore  Renato Di Natale, dall'aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto  procuratore Luca Sciarretta, è di concussione e abuso  d'ufficio.     
Al centro dell'inchiesta due casi di presunte tangenti che  imprenditori avrebbero versato al sindaco di Lampedusa per  sbloccare alcuni pagamenti pendenti al Comune nei loro  confronti. De Rubeis lo scorso anno è stato raggiunto da due  provvedimenti cautelari che sono stati successivamente annullati  dal Tribunale del riesame.    
La prima udienza del processo sarà celebrata l'11 ottobre  prossimo davanti la seconda sezione penale del Tribunale di  Agrigento. Nell'ambito della stessa inchiesta sono imputati  anche il presidente del Consiglio comunale di Lampedusa,  Vincenzo D'Ancona, e l'imprenditore Angelo Cucina che saranno giudicati dal Gup con il rito abbreviato il prossimo 30 giugno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati