Rifiuti, Pecorella: "Emergenza evitabile con nuovi impianti"

Lo ha detto il presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dell'immondizia, a conclusione delle audizioni nella prefettura di Catania

CATANIA. "Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, ha illustrato una situazione di intervento in tempi tali che dovrebbe essere possibile evitare l'emergenza rifiuti nei prossimi mesi in Sicilia". Lo ha affermato Gaetano Pecorella, presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti, a conclusione delle audizioni nella prefettura di Catania, che chiudono una 'tre giorni' di lavoro nell'isola. "Certamente - ha aggiunto Pecorella - al momento, in prospettiva dell'esaurimento delle discariche, si può prevedere una situazione di emergenza. Naturalmente dipenderà dai tempi di realizzazione dei nuovi impianti". Per il presidente dalle audizioni in Sicilia sono emerse "'situazioni allarmanti come quella di Bellolampo, dove la presenza del percolato e' certamente un fatto grave". "Questa sostanza velenosa che si è infiltrata nel terreno probabilmente ha inquinato qualche falda acquifera. Per altro verso ci sono indagini della magistratura su gare di appalto per i termovalorizzatori che - ha concluso Pecorella - sembra toccare a questo punto, effettivamente, gli interessi della mafia per questa vicenda e il traffico dei rifiuti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati