Sicilia, Cronaca

Rifiuti, Lombardo: "In Sicilia rischio emergenza ma si può evitare"

Il presidente della Regione indica con un codice rosso la situazione di Bellolampo, mentre Percorella, presidente della commissione d'inchiesta sugli illeciti connessi all'immondizia, dice: "Con i nuovi impianti crisi scongiurata"

PALERMO. "In Sicilia c'é un rischio emergenza rifiuti" ma "ci sono anche i modi per tentare di evitarli". Ne è certo il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, che indica come un sito da 'codice rosso' "la discarica di Bellolampo, gestita dall'Amia di Palermo, dove l'emergenza potrebbe scattare da un momento all'altro".      
E' ai commissari della Commissione parlamentare d'inchiesta  sugli illeciti connessi al ciclo dei rifiuti, presieduta da Gaetano Pecorella, che a Catania ha concluso la sua 'tre giorni' in Sicilia, che il governatore spiega la sua posizione.  "Abbiamo convenuto con il governo che i poteri emergenziali possano servire in questa fase di passaggio - osserva Lombardo - e apprezzato gli elementi e gli strumenti finanziari per potere realizzare una terza vasca che darebbe 3-4 anni di autonomia a Bellolampo ma richiederebbe 5-6 mesi per costruirla".  Il presidente ha anche sottolineato gli "errori commessi nel passato". "La situazione dei rifiuti in Sicilia - sostiene - é in divenire perché c'é stato un vuoto di governo diretto dal 2005 all'anno scorso.
Nel senso che le competenze sono state delegate a un'agenzia e poi sono tornate sotto la guida dell'esecutivo e del dipartimento regionale Acque e rifiuti, che ha adottato la relazione che poi il 18 marzo ha consegnato alla Procura di Palermo".  "Vi invito a leggere quel documento - aggiunge Lombardo -  c'é la  ricostruzione di come la criminalità organizzata che da noi si chiama mafia, si sia infiltrata nel sistema dei termovalorizzatori. E gli arresti di oggi a Palermo dimostrano che questo governo aveva ragione e la bontà delle sue scelte". Per il presidente della Commissione, Gaetano Pecorella, il governatore  "ha illustrato una situazione di intervento in tempi tali che dovrebbe essere possibile evitare l'emergenza rifiuti nei prossimi mesi in Sicilia". "Certamente - precisa - al momento, in vista dell'esaurimento delle discariche, si può prevedere una situazione di emergenza. Naturalmente dipenderà dai tempi di realizzazione dei nuovi impianti". Per Gaetano Pecorella, dalle audizioni in Sicilia sono emerse "'situazioni allarmanti come quella di Bellolampo, dove la presenza del percolato e' certamente un fatto grave".Il presidente della Commissione sottolinea il rischio infiltrazioni mafiose, facendo propri gli allarmi e le relazioni che gli sono arrivate dalle Procure di Catania, Messina e Barcellona Pozzo di Gotto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati