Dirigenti regionali, Barone (Uil): “Alla Regione è paralisi”

PALERMO. “La macchina burocratica della Regione è drammaticamente paralizzata. Ancora oggi infatti non sono stati conferiti incarichi ai dirigenti regionali. E gli stessi dirigenti generali, che hanno il compito di assegnare questi incarichi, versano in una condizione di precarietà”. Lo ha detto Claudio Barone, segretario regionale della Uil Sicilia, durante l’Assemblea dei dirigenti regionali, che si è svolta stamane a Palazzo Steri. E Barone ha continuato: “Questa situazione sta rischiando di fare perdere quest’anno alla Sicilia 400 milioni di fondi europei, che potrebbero salire a 900 milioni nel 2011. A peggiorare la situazione gli iter autorizzativi bloccati, come ad esempio quello per i rigassificatori, che rischiano di fare perdere ingenti investimenti da parte dei privati”. Il segretario regionale della Uil ha aggiunto: “A livello nazionale è in discussione un provvedimento per la semplificazione burocratica, che da domani sarà all’Ars per diventare una legge. Sosteniamo che però questa riforma, positiva, debba vedere prima di tutto un coinvolgimento dei dipendenti. Dipendenti che sono risorse da valorizzare. E’ necessario – ha concluso Barone - un sistema di valutazione del loro operato, che sia oggettivo e non legato alla discrezionalità della politica”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati