L'omicidio di Ficarazzi. Sul movente si segue la pista della droga

Le indagini sulla morte di Pasquale Giglio, ucciso una settimana fa nel comune del Palermitano. Domani sarà interrogato Maurizio Malfitano, il presunto assassino. Non si esclude la lite per l'acquisto di una dose

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Il movente non c'è ancora, ma si segue la pista della droga. Continuano le indagini sull'omicidio di Pasquale Giglio, il trentasettenne di Brancaccio ucciso una settimana fa a Ficarazzi. Gli investigatori della squadra mobile di Palermo non escludono che alla base del ferimento a morte dell'uomo ci sia stata una lite probabilmente per un debito legato all’acquisto di qualche dose. A porre fine ai dubbi potrebbe essere Maurizio Malfitano, 39 anni, ex barista di Brancaccio fermato giovedì notte e al momento rinchiuso in una cella dell’Ucciardone. Domani mattina è previsto l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Riccardo Ricciardi, che dovrà inoltre decidere se convalidare il fermo disposto dal pm Sara Micucci.
Quando è stato fermato gli agenti della sezione «omicidi» gli hanno trovato addosso alcune decine di migliaia di euro che si suppone volesse utilizzare per fuggire. I dettagli in un articolo sul Giornale di Sicilia oggi in edicola (6 giugno 2010).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati