Palermo, oggi nuova protesta dei precari

La manifestazione di Cgil, Cisl e Uil sarà in difesa del diritto al lavoro dei dipendenti non stabilizzati delle pubbliche amministrazioni

PALERMO. Si svolgerà questa mattina a Palermo la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil, in difesa del diritto al lavoro dei precari delle pubbliche amministrazioni della Sicilia, che secondo la Cisl sono 28 mila, e non 22.500, "dal momento che a quelli degli enti locali, dice il sindacato, vanno aggiunti i lavoratori delle aziende sanitarie, delle associazioni e persino nelle parrocchie".
L'appuntamento è alle 10 in piazza Indipendenza, davanti alla sede della presidenza della Regione. A mezzogiorno è previsto l'incontro col governatore Raffaele Lombardo a cui, sottolinea la Cisl, chiederemo "un disegno strategico largo e prospettive certe per i lavoratori, non mere proroghette del patto di stabilità, dal sapore elettorale". Secondo Angelo Fullone, numero uno della Funzione pubblica regionale della Cisl, "occorre un accordo vincolante e lungimirante, in materia di funzionamento e riorganizzazione di tutti gli apparati amministrativi. Il nostro sarà domani un atto d'accusa contro questo governo regionale e contro quelli che lo hanno preceduto, per la situazione in cui sono venuti a trovarsi lavoratori che prestano la propria opera anche da oltre vent'anni". Per il segretario della Fp-Cgil, Michele Palazzotto, "la giornata di domani è decisiva per la stabilizzazione dei precari e per fare comprendere al governo centrale la specificità della situazione siciliana dove senza i precari sono a rischio molti dei servizi pubblici.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati